Improve the quality of life of children, adolescents and adults. Contact us →

CONDIVIDI LE TUE SUOLE

News & Blog

Era il 1999 quando Mona Prudy andò in Guatemala per correre una maratona. Lavorava come parrucchiera, superava un divorzio e cresceva da sola tre bambini di età inferiore ai cinque anni. A quel tempo, Mona stava viziando i suoi figli. Si sentiva in colpa perché non avevano due genitori come i bambini normali. Mona ha speso un sacco di soldi per cose insignificanti.

In seguito ha descritto questi oggetti come “non importanti” perché hanno dato un pessimo esempio ai suoi figli. Mentre correva la maratona, ha incontrato un gruppo di bambini che immergevano i piedi nella poltiglia nera appiccicosa fatta di terra. Successivamente ha appreso che lo fanno perché non hanno scarpe.

Questa sostanza appiccicosa avrebbe dovuto proteggere i loro piedi mentre camminavano sulle strade calde. Più tardi quel giorno, Mona incontrò un chirurgo ortopedico americano che stava visitando il villaggio. Le disse che se questi bambini avessero avuto delle scarpe da indossare, ci sarebbe stato meno bisogno che lui si recasse frequentemente nella regione. Le sue visite erano per eseguire amputazioni degli arti infetti dei bambini. Tornando a casa, Mona pensava più e più volte a questo incontro. Pensò ai suoi figli che avevano tonnellate di scarpe. Alcuni non li indossano nemmeno.

Stava organizzando bene le sue priorità? Pregò e chiese al Signore un’illuminazione: “Dimmi come posso aiutare questi bambini!” Mona era determinata a fare qualcosa al riguardo. Al suo arrivo a casa, Mona ha raccontato questa storia ai vicini, agli amici, ai parenti e alle scuole vicine, nonché ai suoi stessi figli.

Ha raccolto un sacco di scarpe, così tante che il suo garage era traboccante! Durante il periodo natalizio, Mona tornò in Guatemala. Ha donato le scarpe a un orfanotrofio vicino alla città. Quando è arrivata, i bambini si sono raccolti intorno a lei, tutti scalzi. La suora ha detto a Mona che questo potrebbe essere il loro unico regalo di Natale quest’anno. Mona è stata molto commossa durante la sua missione e ha sentito l’orgoglio di aver realizzato.

Tuttavia, la storia non è finita. Mentre usciva, la suora le fece una domanda che cambiò il corso della sua vita: “Quando torni?” Tornata a Chicago, Mona fondò l’organizzazione “Share Your Soles”. L’unico obiettivo è fornire scarpe leggermente indossate a chi ne ha più bisogno in tutto il mondo! Gruppi ecclesiastici, truppe scout, organizzazioni civiche, molte persone hanno donato di tutto, dalle pantofole, ai sandali e alle scarpe da corsa.

All’organizzazione è stato offerto uno spazio di magazzino da un’azienda immobiliare locale, CenterPoint Properties. Le scarpe erano lavate e sbiancate. Le scarpe da sera sono state lucidate da volontari provenienti da più di 30 stati che stanno organizzando ulteriori eventi di raccolta di scarpe. “Share Your Soles” è cresciuto così tanto che American Airlines si è offerta di farli volare gratuitamente verso i siti di distribuzione di tutto il mondo! L’organizzazione è stata in grado di inviare 13.000 paia di scarpe alle vittime di New Orleans Katrina e 15.000 alle vittime dello Sri Lanka in Thailandia.

Negli ultimi 11 anni, oltre un milione di paia di scarpe sono state consegnate in America Centrale, Sud-est asiatico, Caraibi, Appalachi, Africa, Europa orientale, riserve degli indiani d’America e India. “Senza confini. Nessun confine. Share Your Soles non è un’organizzazione politica. Non abbiamo affiliazione religiosa. Non pretendiamo di conoscere le cause della povertà nel mondo. Sappiamo solo che esiste e facciamo il possibile per aiutare”. “Adoro consegnare scarpe e, a volte, porto i miei figli con me.

È il mio nuovo modo di viziarli, mostrando loro quanto siamo davvero fortunati a poter aiutare gli altri. Semplicemente lo adorano e batte qualsiasi cosa potrei comprarli! Si prega di visitare shareyoursoles.org. Prendi in considerazione il volontariato o il contributo. “Un dollaro compra detersivo sufficiente per lavare un carico (30 paia di scarpe). Dieci dollari pagano il confezionamento di 50 paia di scarpe. Trasformalo in un progetto per la famiglia, la scuola o la chiesa. E ricorda, non si tratta solo di scarpe. Le scarpe che diamo per scontate possono avere un profondo impatto sulla vita di un bambino: possono essere un mezzo di trasporto, un mezzo per l’educazione (alcuni ragazzi non vengono ammessi a scuola senza scarpe) e una fonte di autostima. Un paio di scarpe può significare tutto questo. Possono cambiare una vita”.

Fonte: shareyoursoles.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *