Improve the quality of life of children, adolescents and adults. Contact us →

UN TOCCO DI INCORAGGIAMENTO

News & Blog

Quanto dovremmo dare? Hai mai sentito qualcuno dire “non lasciare che la tua mano destra sappia cosa sta facendo la tua mano sinistra”? Non ho mai capito quell’espressione e non sapevo nemmeno che fosse della Bibbia! Poi ho sentito un sermone sulla carità sul dare con il cuore.

Il parroco ci ha detto che 2000 anni fa, molto prima che le fondazioni di beneficenza ci permettessero di addebitare donazioni sulle nostre carte di credito, le persone facevano ai poveri e ai bisognosi semplicemente condividendo con le persone che incontravano per strada. Dare ai poveri di solito significava mettersi in tasca e far cadere le monete in una tazza o nelle mani di qualcuno.

La domanda è: raggiungi e dai liberamente tutto ciò che trovi lì, o conti i penny e decidi quanto ti senti a tuo agio nel dare prima di darlo via? In altre parole, la tua mano destra sa cosa sta facendo la tua mano sinistra? Ammetto che non do sempre soldi ai poveri per strada, ma ogni tanto lo faccio. Ero in un parco non molto tempo fa e ho potuto vedere un uomo a cui mi stavo avvicinando. Molto probabilmente era un senzatetto. Era seduto per terra e, da lontano, potevo vedere le persone che gli passavano accanto, alcuni che non si preoccupavano di notarlo, altri che scrollavano le spalle e indicavano che avrebbero aiutato se avessero potuto, ma non oggi.

Alcuni hanno lasciato del denaro nella lattina, ma solo dopo aver tirato fuori una manciata di monete dalle tasche e averne contato una o due da gettare nella lattina prima di proseguire. Ho deciso che avrei messo la mano in tasca e qualunque cosa avessi trovato lì non avrei fatto sapere alla mia mano destra cosa stava facendo la mia mano sinistra; Darei liberamente e senza giudicare l’uomo o presumere di sapere meglio di cosa aveva bisogno o di quanto aveva bisogno e cosa dovrebbe farne.

Allora ho tirato fuori delle monete e delle banconote e mi sono preparata a consegnarle al signore sul marciapiede senza nemmeno guardare cosa stavo dando. C’era una sensazione straordinaria che veniva dal solo dare senza pensare. Ho provato gioia e un grande senso di pace e libertà, e quando mi sono avvicinato a lui, quella gioia è diventata una lezione potente.

Mi sono reso conto che mentre stavo camminando, decidendo di non far sapere alla mia mano destra cosa stava facendo la mia mano sinistra, l’uomo sul marciapiede che sorrideva e annuiva con le lacrime agli occhi non aveva affatto mani.

Fonte: Martha Williamson, atouchofencouragement.com, beliefnet.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *