Improve the quality of life of children, adolescents and adults. Contact us →

LA CIOTOLA DI LEGNO

News & Blog

Vi garantisco che ricorderete la favola de La Ciotola di Legno domani, tra una settimana, tra un mese… anche tra un anno. Dice così: un vecchio fragile è andato a vivere con suo figlio, sua nuora e suo nipote di quattro anni. Le mani del vecchio tremavano, la vista era offuscata e il passo vacillò. La famiglia ha mangiato insieme a tavola. Ma le mani tremanti dell’anziano nonno e la vista debole rendevano difficile mangiare.

I piselli rotolarono dal cucchiaio sul pavimento. Quando ha afferrato il bicchiere, il latte si è rovesciato sulla tovaglia. Il figlio e la nuora si irritarono per il pasticcio. «Dobbiamo fare qualcosa per lui», disse il figlio. ‘Ne ho abbastanza del suo latte versato, del suo mangiare rumoroso e del cibo per terra.’

Così marito e moglie apparecchiarono un tavolino in un angolo. Lì, il nonno mangiò da solo mentre il resto della famiglia si godeva la cena. Poiché il nonno aveva rotto un piatto o due, il suo cibo veniva servito in una ciotola di legno. Quando la famiglia guardava in direzione del nonno, a volte aveva una lacrima negli occhi mentre sedeva da solo. Tuttavia, le uniche parole che la coppia aveva per lui erano aspre ammonizioni quando faceva cadere una forchetta o rovesciava del cibo. Il bambino di quattro anni osservava tutto in silenzio. Una sera prima di cena, il padre notò suo figlio che giocava con gli avanzi di legno sul pavimento. Chiese dolcemente al bambino: “Cosa stai facendo?” Altrettanto dolcemente, il ragazzo rispose: “Oh, sto preparando una ciotolina per te e la mamma in cui mangiare il tuo cibo quando sarò grande”. il vecchio sorrise e tornò al lavoro. Le parole colpirono così tanto i genitori da rimanere senza parole.

Poi le lacrime cominciarono a rigare le loro guance. Sebbene non fosse stata pronunciata alcuna parola, entrambi sapevano cosa doveva essere fatto. Quella sera il marito prese la mano del nonno e lo ricondusse dolcemente alla tavola di famiglia. Per il resto dei suoi giorni mangiò ogni pasto con la famiglia. E per qualche ragione, né marito né moglie sembravano preoccuparsi più quando una forchetta veniva lasciata cadere, il latte versato o la tovaglia sporca.

Una nota positiva… ho imparato che, qualunque cosa accada, quanto brutta sembri oggi, la vita continua e domani sarà migliore. Ho imparato che puoi dire molto di una persona dal modo in cui gestisce quattro cose: una giornata piovosa, gli anziani, i bagagli smarriti e le luci dell’albero di Natale aggrovigliate. Ho imparato che guadagnarsi da vivere non è la stessa cosa che farsi una “vita…” Ho imparato che la vita a volte ti dà una seconda possibilità. Ho imparato che non dovresti vivere la vita con un guantone da ricevitore su entrambe le mani. A volte devi essere in grado di rilanciare qualcosa. Ho imparato che se persegui la felicità, ti sfuggirà ma, se ti concentri sulla tua famiglia, sui tuoi amici, sui bisogni degli altri, sul tuo lavoro e facendo del tuo meglio, la felicità ti troverà. Ho imparato che ogni volta che decido qualcosa a cuore aperto, di solito prendo la decisione giusta. Ho imparato che anche quando ho dolori, non devo esserlo. Ho imparato che ogni giorno dovresti allungare la mano e toccare qualcuno. Le persone adorano quel tocco umano: tenersi per mano, un caldo abbraccio o semplicemente una pacca amichevole sulla spalla. Ho imparato che ho ancora molto da imparare.

Fonte: inspirationpeak.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *